Meditazione per sperimentare il vuoto e conquistare la morte

Prima di cominciare la meditazione per conquistare la morte, fai il breve pranayama qui di seguito descritto.

Pranayama per pulire la mente:

Siedi in posizione facile, con la schiena dritta e la mano sinistra sopra il ginocchio in gyan mudra (punte del pollice e dell’indice unite, palmo rivolto verso l’alto).

Con il pollice della mano destra chiudi la narice destra e fai il respiro di fuoco solo dalla narice sinistra (1 minuto).

Poi cambia mano e narice, e fai il respiro di fuoco solo dalla narice destra (1 minuto).

Quindi rilassa entrambe le mani sulle ginocchia, sempre in gyan mudra, e fai il respiro di fuoco da entrambe le narici (1 minuto). Infine inspira, trattieni qualche istante ed espira.

Meditazione per conquistare la morte
(vedi immagine)

Sempre in posizione facile, con le dita di entrambe le mani chiudi tutti gli orefizi della testa:

– con i pollici serra le orecchie più che puoi
– con gli indici chiudi gli occhi
– con i medi chiudi le narici
– con gli anulari e i mignoli serra la bocca

Inspira profondamente da entrambe le narici, poi espira completamente, chiudi le narici con le dita in modo che nulla possa entrare e mantieni fuori l’aria per tutto il tempo che riesci.

Gli occhi sono completamente chiusi. La tua bocca è chiusa. Non senti nulla. Il mondo fuori è lontano, non ti tocca. Ci sei soltanto tu – il tuo essere – la tua presenza pura.
Quando senti necessità, apri le narici e ricomincia il ciclo (inspira, espira, mantieni fuori).

Concentrati davvero profondamente dentro di te. Troverai che è un posto pieno di pace, quieto, dove non vi è alcun rumore esterno. Perciò chiudi le orecchie più forte che puoi. Cerca di restare in questa posizione, in questo silenzio, seguendo il tuo ritmoConcentrati all’interno e ascolta il tuo suono interiore.

Tempo

Continua da 5 a 31 minuti. Inizia gradualmente, con pochi minuti al giorno, e aumenta con la pratica. E’ una meditazione molto tosta, molto intensa! Non spingere troppo, quando avverti la necessità di inspirare fallo tranquillamente, non restare senza fiato. Datti tempo per incrementare apnea e durata della meditazione.

NOTA IMPORTANTE

Puoi cominciare con più gradualità evitando di chiudere del tutto le narici: chiudile solo parzialmente, in modo da udire il suono profondo e rilassante del respiro, un suono molto interno che favorirà un senso di introspezione, di meditazione e ascolto di sé. Ti aiuterà a entrare in connessione con il vuoto e il silenzio in maniera più morbida. Poi, quando te la sentirai, potrai provare a chiudere completamente le narici a ritenzione vuota.

Al termine inspira, espira e rilassa le mani in grembo. Poi inspira ancora, stendi le braccia sopra la testa e scuoti le mani. Infine rilassa e ascolta gli effetti, lascia che si crei un grande spazio, nel quale puoi sentirti fuori dal tempo.

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: